Analisi Podografica

Podografia

La Valutazione Podografica è oggi ritenuta a tutti gli effetti strumento di aiuto alla diagnosi per lo studio dei carichi
di appoggio sul piede e di approfondimento per una verifica della postura.

Ad oltre 30 ANNI dalla nascita della prima pedana baropodometrica, lo studio di molti medici e tecnici ortopedici, fisiatri, specialisti della riabilitazione e ingegneri informatici ha permesso di mettere a frutto uno strumento capace di elaborare teoria ed esperienza trasformandolo in uno strumento di aiuto alla diagnosi di semplice ed intuitivo utilizzo.

Solo nel 2010, dopo molti anni di approfonditi test portati avanti da molti ricercatori e dall’Istituto Superiore della Sanità, questi dispositivi di pressione sono stati testati e documentati attraverso una ricerca a livello scientifico raggiungendo una validazione ed un riconoscimento come Dispositivi Medici di Classe I con funzioni di Misura nella misurazione della pressione plantare e per un uso appropriato nella ricerca e nella biomeccanica pratica e clinica. Questa tecnica è caratterizzata da una pedana o solette elettroniche composta da molti di sensori che sono in grado di misurare la deformazione generata dalla forza applicata dal piede sulla pedana. Infatti con il termine baropodometria, il cui termine è di origine
greca, si intende letteralmente “misura della pressione del piede”.

Quindi, possiamo dire che la baropodometria è una moderna indagine per misurare il carico esercitato su ciascun punto d’appoggio del piede.
L’esame viene eseguito per individuare la forma, la pressione, la superficie, l’accelerazione del piede e non per ultimo stabilire i tempi di contatto al suolo per
valutare meglio eventuali anomalie nel movimento, zone di percarico e/o disturbi di origine posturale e altro ancora.

L’esame posturale fornisce una serie di informazioni che, se ben interpretate, ci porta a stabilire la eventuale presenza di disturbi dell’equilibrio. Ciò è stato possibile grazie allo
studio delle oscillazioni del corpo durante la statica.

Lo scopo è, per il posturologo, quello di migliorare e quindi riprogrammmare la postura globale del corpo.

Problemi come dolori al bacino, alla colonna vertebrale, cervicalgia, cefalee, mal occlusioni dentali e altro ancora possono essere scatenati da una cattiva postura.

L’importanza del piede come mezzo di sostegno del corpo intero diventa fondamentale insituazioni apparentemente banali.